dicembre 2013

Dopo le rilevazioni di ARPA del 18 dicembre e sentiti la responsabile ARPA del settore Attività Produttive e Controlli e la responsabile Ambiente Energia e Sviluppo (Unità Operativa Progetti Sperimentali ed Innovativi in Materia di Rifiuti) ci viene fornito un quadro ancora non rassicurante e con alcuni dubbi.

In pratica l’azienda Leganti Naturali utilizza dei rifiuti che invece di essere smaltiti in altro modo vengono utilizzati per produrre del cemento. Questa lavorazione avviene esclusivamente tramite un processo chiamato di “miscelazione” (quindi non avviene nessun incenerimento né emissione di fumi di prodotti bruciati). Il materiale utilizzato viene stoccato in appositi silos e a contatto con l’umidità produce ammonica.

Gli “odori” di ammoniaca che i cittadini di Paderno Dugnano, in particolare di Villaggio Ambrosiano, hanno sentito in questi giorni, sono quindi esalazioni del materiale utilizzato e non derivano da un incidente di lavorazione o da motivi sconosciuti. I campioni di aria raccolti da ARPA sono stati inviati in laboratorio e i risultati saranno pronti solo tra alcuni giorni. Al momento l’unico dato a disposizione è quello strumentale ottenuto da ARPA tramite un’apparecchiatura che si chiama “draeger” e dal quale risulta che non è stata rilevata ammoniaca nell’aria. Infine ARPA comunica di aver verificato da parte dell’azienda l’intervento di copertura dello stoccaggio e l’utilizzo di un impianto di aspirazione per l’abbattimento delle esalazioni in attesa di trovare una soluzione definitiva al problema.

Non si capisce però come mai questi dati non corrispondano a quanto riscontrato dalle persone che vivono in quella zona: nell’incontro di giovedì sera, presso la sede di quartiere di Paderno, gli abitanti della zona presenti hanno confermato che l’odore di ammoniaca è ancora presente in diversi momenti della giornata. Questo è confermato anche dalle segnalazioni che continuano ad arrivare alla Polizia Locale, sui vari gruppi Facebook e sui blog locali. La situazione appare lontana dalla risoluzione e quindi ai cittadini della zona, e a tutti quelli che vogliono collaborare con loro, spetta l’onere di controllare o, per dirla come da mail ricevuta “gli amministratori locali aspettano tacitamente che noi comuni cittadini facciamo il LORO dovere!”.

Condividi
Read more

Molto spesso veniamo tacciati per essere contro le istituzioni, antagonisti e poco costruttivi. Chi lo dice non sa cosa dice, o meglio lo fa con l’intenzione di denigrare cittadini che si muovono nell’interesse di altri cittadini. E magari sono proprio gli accusatori a essere capaci solo di far polemica.

Ma veniamo ai fatti cercando di essere sintetici: in questo mese di dicembre sono arrivate molte segnalazioni di “strani odori”, da parte dei cittadini dei quartieri di Villaggio Ambrosiano e Paderno, presso la Polizia Locale e l’Ufficio Ambiente di Paderno Dugnano. La Polizia Locale, dopo accurate indagini, appurava che gli odori provenivano dalla azienda Leganti Naturali, azienda soggetta a normativa AIA. Questo particolare sul tipo di azienda è molto importante in quanto, nonostante le segnalazioni della Polizia Locale in modo ufficioso ad ARPA avvenute in data 11 e 12 dicembre, e ufficiali tramite l’Ufficio Ambiente di Paderno Dugnano in data 13 dicembre, ARPA non poteva intervenire se non per controlli ordinari.

Infatti i controlli straordinari per questo tipo di aziende dipendono dalla regione, per la precisione dalla “struttura autorizzazioni e innovazione in materia di rifiuti”, presieduta dal Dott. Dario Sciunnach . ARPA, visto la pressante richiesta da parte dei cittadini ha comunque ritenuto necessario intervenire e in data odierna (18 dic. 2013) sta effettuando tutti i controlli del caso. Non solo. ARPA ha avvisato nella notte (ore 2 del 18 dic) il comune, la provincia e la regione con posta PEC che avrebbe effettuato i controlli ma ad ora (ore 13) non troviamo nessuna notizia, sui siti istituzionali, che potrebbero tranquillizzare i cittadini.

Quali sono le notizie che ci potrebbero tranquillizzare: innanzitutto, il fatto che l’azienda abbia sospeso la sua attività è, secondo ARPA, una chiara ammissione di criticità dei lavori (trattamento ceneri da inceneritore per produzione di cemento). C’è da parte dell’azienda la volontà quindi di rendere chiaro e dare evidenza di come vorrà procedere in futuro. Quindi ARPA sta in questo momento facendo tutte le verifiche del caso: ovviamente, non essendo in funzione, non ci saranno dei dati oggettivi ma ARPA può verificare in base all’esperienza dei tecnici quale materiale sia stato utilizzato tra quelli presenti nello stoccaggio e se il problema deriva da uno di essi. Se non si dovesse trovare nulla occorrerà capire cosa è stato utilizzato in passato. Le segnalazioni dei cittadini in merito sono molto importanti in quanto, dal tipo di segnalazione si può capire se il materiale utilizzato è quello presente o se è altro. Verranno anche analizzati i terreni intorno per capire se c’è stata contaminazione di qualsiasi tipo.

In pratica ARPA monitorerà con molta attenzione la vicenda, ha trovato molta collaborazione nei cittadini e nella Polizia Locale e ha avvertito tutte le istituzioni in merito, a partire dall’ente che aveva e ha il compito di intervenire e per finire al Comune di Paderno Dugnano. Peccato che ad oggi i cittadini non siano ancora stati informati di questa situazione dall’Amministrazione Comunale…  sta a noi cittadini impegnati sopperire a questa mancanza!

Read more

ULTIMO INCONTRO NELLE SEDI DI QUARTIERE PER IL 2013.

Il M5S di Paderno Dugnano si prefigge di coinvolgere cittadini, associazioni e rappresentanti di categoria, nella stesura di un programma, per la città, realmente
condiviso e in sintonia con lo spirito e gli obbiettivi del Movimento stesso.

GIOVEDI’ 19 DICEMBRE INCONTRO PER I QUARTIERI DI PADERNO E DUGNANO PRESSO LA SEDE DI QUARTIERE DI PADERNO, CENTRO FALCONE E BORSELLINO, IN PIAZZA FALCONE E BORSELLINO, 2.

VI ASPETTIAMO

vol paderno 19 dic

Read more

Per Paderno Dugnano, e i comuni interessati dai lavori di riqualificazione della Rho-Monza, è stato un pessimo venerdì.

Il voto contrario del Governo Letta e del PD in commissione bilancio alla Camera ha permesso l’affossamento dell’emendamento presentato dal M5S, e sostenuto da TUTTI i partiti e dal Ministero dell’Ambiente, con il quale si chiedeva di reperire le somme necessarie all’interramento della Rho-Monza. Patetica la difesa messa in campo dai deputati del PD, Casati e Cimbro, che tentano di giustificare la loro personale sconfitta, e del PD locale, con affermazioni paradossali contraddicendosi nel giro di pochi giorni:

Sabato 7 Dicembre l’on. Casati dichiarava “si tratta di un emendamento alla legge di stabilità approvato in commissione ambiente da tutte le forze politiche e che ha visto il parere favorevole del ministro dell’ambiente Andrea Orlando, sentito il Ministero dei Trasporti-Infrastrutture. Questo passaggio è un ulteriore conferma dell’interesse che il Ministro Orlando sta avendo per il nostro territorio. L’approvazione di questo emendamento è un ottima notizia che sembra segnare una possibile svolta della tormentata vicenda Rho-Monza”

Venerdì 13 Dicembre gli onorevoli Casati e Cimbro dichiarano “in riferimento alla bocciatura odierna……ci preme sottolineare che dietro questa scelta si deve leggere la volontà del governo di non dare alla legge di stabilità dettagli territoriali troppo marcati”, come se EXPO fosse un 1461583_10202286734760489_11735599_npiccolo evento locale. E ancora “…. si dovrebbero concordare  insieme le azioni da fare anche quella della presentazione degli emendamenti…”

E allora perché il PD lo ha sostenuto in commissione ambiente senza proporre alcuna alternativa?  Chi ha proposto al Ministro Orlando un incontro con tutte le forze politiche presenti in parlamento (NOI del M5S) e chi invece si è limitato a incontri “privati” (il PD)?

Chi realmente fa i fatti (NOI del M5S) e chi invece solo chiacchiere a posteriori (il PD)?

Questa è la coerenza del PD.

Noi non concederemo mai un minuto di tregua a tutti coloro che hanno fatto e continuano a fare della politica uno strumento per anteporre gli interessi del partito alle sacrosante rivendicazioni dei cittadini e dei territori.

Non vi sforzate a chiamarci “amici” perché non lo siamo. Se ci vedete seduti agli stessi banchi non è perché siamo simili a voi ma perché siamo dei cittadini che hanno voglia di cambiare le cose.

NOI non siamo in vendita.

 I gruppi del Movimento 5 Stelle di

Paderno Dugnano, Novate Milanese, Cormano, Baranzate, Bollate.

 

Read more

Proseguono gli incontri nei quartieri, non per farci ascoltare, ma per ascoltare i cittadini e con loro integrare e realizzare un programma realmente partecipato e condiviso.

Noi ci siamo, se voi ci siete sapete dove trovarci:

5 DICEMBRE 2013, ORE 21: INCIRANO, SEDE DI QUARTIERE IN VIA ITALIA.(seminterrato scuola Allende)
inceneritore di via Valassina, chiusura di via Cappellini, negozi di vicinato ….

12 DICEMBRE 2013, ORE 21: PALAZZOLO, SEDE DI QUARTIERE IN VIA MAZZINI, 74
Eureco, viabilità, vasche di laminazione …..

19 DICEMBRE 2013, ORE 21: PADERNO E DUGNANO, SEDE DI QUARTIERE DI PADERNO, piazza Falcone e Borsellino, 2
Creazione di un polo culturale, viabilità del quadrilatero, Rho Monza …..

Vi aspettiamo

1477395_10202709636047280_1742349413_n

Read more