marzo 2015

Il 10 febbraio del 2015, dopo ripetuti solleciti verbali e scritti, senza alcun riscontro, alcuni genitori di bambini frequentanti la scuola dell’Infanzia di via Vivaldi a Calderara, decidono di scrivere al”ASL competente, e all’Amministrazione Comunale, per segnalare la probabile presenza di amianto nella pavimentazione della scuole.

Visto il protrarsi del silenzio, e della loro giustificata preoccupazione, decidono di contattare il M5S Paderno Dugnano per far si che la loro voce arrivi dentro le istituzioni comunali attraverso i nostri portavoce.

In data 25 febbraio abbiamo presentato un interrogazione ( qui http://goo.gl/odHCwM ), all’Assessore Andrea Tonello, per chiedere chiarimenti e – soprattutto – interventi di rimozione dell’amianto nella scuola di via Vivaldi e su tutte quelle del territorio comunale.

Dopo settimane di silenzio: la svolta.

Dagli articoli pubblicati su alcune testate locali, che prendevano spunto dal nostro comunicato stampa ( qui http://goo.gl/7cptxP ), scopriamo che il 27 Febbraio è stato approvato un atto (qui http://goo.gl/0Lz6Ie ) con cui la ditta Labo Consult srl di Milano viene incaricata per verificare l’eventuale presenza di amianto negli edifici scolastici di proprietà comunale.

Ancora una volta la caparbietà dei genitori\cittadini, con il supporto del M5S, costringono l’Amministrazione Comunale a impegnarsi seriamente su un fronte particolarmente delicato come quello dell’amianto.

Ora vigileremo affinché le verifiche avvengano in tempi celeri.

#TutelaSalute #Bambini #NessunoSconto

 

Condividi
Read more

occupy 1 2 3Cosa è emerso dalla riunione presso la Prefettura di Milano.

Dopo l’occupazione simbolica del cantiere avvenuta sabato scorso 28 febbraio, da parte dei cittadini e con i nostri portavoce comunali, regionali, nazionali, ed europei ad aprire la strada, abbiamo chiesto e ottenuto un incontro presso gli uffici della Prefettura. A tale incontro erano presenti, oltre ai rappresentanti del Comitato per l’Interramento (CCIRM), l’ASL 1 di Milano, il Comandante Provinciale del NOE dei Carabinieri, il Comandante del gruppo Tutela Lavoro di Milano dei carabinieri e il Direttore della Direzione Lavoro di Milano e il Vice Prefetto. Durante questo incontro, nel quale abbiamo ribadito la nostra richiesta di un intervento urgente da parte della Prefettura per sospendere i lavori sino alla completa ottemperanza, da parte di Serravalle, delle prescrizioni VIA\SIA, abbiamo appreso, non senza stupore, che la stazione appaltante, o chi per essa, ha ANTICIPATO, la somma di 500.000€ (si avete letto bene) per far fronte alle spese, che dovrebbe sostenere Grandi Lavori Fincosit, in qualità di titolare dell’appalto, per realizzare la recinzione di cantiere come prevista dalle prescrizione VIA. Ora ci chiediamo come sia possibile che i contribuenti, ovvero i cittadini, debbano ANTICIPARE delle somme ad una azienda che dovrebbe realizzare un opera infrastrutturale per un valore di 200.000.000 di euro che non è in grado di allestire un cantiere in totale sicurezza perché sprovvista delle somme necessarie. Su questo aspetto abbiamo immediatamente informato il Dottor Cantone, Presidente dell’Autorità nazionale Antimafia, al quale abbiamo già trasmesso un esposto dettagliato nei mesi scorsi.

A dimostrazione del fatto che questo incontro ha comunque contribuito a smuovere le acque, ieri mattina, abbiamo ottenuto risposta alla richiesta di informazioni, presentata dalla nostra portavoce Regionale Silvana Carcano, in merito alle ispezioni effettuate da ARPA presso il cantiere Rho-Monza. Nell’allegata relazione allegata alla risposta si leggono parole e concetti che non hanno bisogno di interpretazioni. L’ARPA, dichiara, senza mezzi termini o giri di parole, che gli esposti presentati dai portavoce comunali e regionali del M5S, e dai cittadini del CCIRM, erano assolutamente e incontrovertibilmente giustificati. Tutte le contestazioni mosse a Serravalle e a Grandi Lavori Fincosit sono state verbalizzate e cristallizzate.

Alla luce di queste informazioni siamo a richiedere con ancora più forza che ci siano interventi decisi e pesanti e celeri da parte delle autorità competenti.

Non arretreremo di un metro, e se sarà necessario saremo pronti, insieme ai cittadini, a tornare sui cantieri e a restarci sino a quando chi è deputato a far rispettare le norme, a tutela della salute dei cittadini, e della legalità non sarà intervenuto

M5S Paderno Dugnano
M5S Lombardia

Read more

Per tutti i padernesi (e non) ci sono OTTIME notizie: 25.000€ per la tua impresa attuale o futura che sia.

Da oggi è disponibile un fondo di 10.000.000,00 di euro che i nostri portavoce in Parlamento, grazie al taglio dei loro stipendi, hanno messo a disposizione per le PMI. Questo è il sito dove reperire tutte le informazioni necessarie: www.microcredito5stelle.it

COME ACCEDERE AL FONDO?

È semplice. Basta recarsi presso il consulente del lavoro più vicino con un piano imprenditoriale e un’idea sostenibile: il consulente ti dirà cosa fare. Se la tua impresa già esiste, porta con te una visura camerale, l’atto costitutivo, lo statuto e gli ultimi bilanci. Non servono garanzie reali, è sufficiente non essere iscritti negli elenchi dei cattivi pagatori. Trova il consulente più vicino. Seleziona la tua città e scegli uno dei consulenti!

M5S Paderno Dugnano

https://www.youtube.com/watch?v=0KxPlg5avwA

Read more

                                             Solo 3507,20 euro

Questa è la sanzione amministrativa pagata dal dottor Quadr      io Curzio, rappresentante della Leganti naturali srl, per sanare le due violazioni riscontrate dall’ASL durante il controllo del 21 gennaio 2014 presso lo stabilimento.

1) in merito all’emissione di ammoniaca: il titolare non ha provveduto ad effettuare preventivamente la valutazione dei rischi e l’attuazione delle misure di prevenzione.

2) in merito al rischio di scoppio: nonostante nella documentazione fosse prevista la possibilità di formazione di idrogeno, gas altamente infiammabile che può esplodere, il titolare non ha provveduto ad assolvere gli obblighi di valutazione dei rischi di esplosione.

Quindi, nonostante l’ASL abbia certificato la pericolosità delle attività della leganti naturali, la regione lombardia non ha mai chiesto la valutazione d’impatto ambientale, né prima né dopo i fatti accaduti.

Per il M5S la vicenda non è affatto conclusa perché, come sempre, vogliamo vederci chiaro e andare fino in fondo alle questioni.

20150226_11225120150226_11231420150226_112425

 

 

 

 

 

 

 

Movimento 5 Stelle Paderno Dugnano

twitter: @paderno5stelle

facebook.com/M5SPadernoDugnano

youtube.com/user/Paderno5stelle

ustream.tv/channel/paderno5stelle

meetup.com/movimento5stellepadernodugnano/

Read more