DEMOCRAZIA SOTTO ASSEDIO: QUELLO CHE I MEDIA NON DICONO

CI STANNO DICENDO UN MUCCHIO DI FALSITÀ, SAPENDO DI DIRE IL FALSO, SU QUANTO STA ACCADENDO NELLE AULE DEL PARLAMENTO IN QUESTI GIORNI. FACCIAMO CHIAREZZA.

1) Cos’è la “ghigliottina”?

La “ghigliottina” è uno strumento previsto nel regolamento del SENATO, ma non previsto per la Camera. Questo provvedimento (o aggiramento della legge nel caso della Camera) in pratica consente di evitare che un decreto decada per termini di tempo, togliendo la parola ai parlamentari che fanno richiesta di intervento (e in questo caso non erano solo parlamentari M5S).

2) Perché il M5S si sta comportando in questo modo?

Il M5S sta facendo una dura opposizione contro una legge che vede la cessione di 7,5 miliardi di euro dal pubblico (Banca d’Italia è pubblica e LE SUE RISERVE SONO DEI CITTADINI ITALIANI) al privato, ovvero verso assicurazioni e banche private, in primis Unicredit e Intesa che, vedendosi le proprie quote notevolmente ricapitalizzate, avranno un valore patrimoniale maggiore e si mettono al riparo dallo “Stress test” bancario richiesto dall’UE. In secondo luogo, potranno vendere parte delle quote e questo si tradurrà anche in una maggiore liquidità.

3) Se la Boldrini non avesse utilizzato la “ghigliottina”, avremmo dovuto pagare l’IMU?

FALSO!!! L’art. 77 della Costituzione recita che “I decreti perdono efficacia sin dall’inizio, se non sono convertiti in legge entro sessanta giorni dalla loro pubblicazione”, ma continua dicendo che “Le Camere possono tuttavia regolare con legge i rapporti giuridici sorti sulla base dei decreti non convertiti”. Quindi il problema della seconda rata dell’IMU poteva essere regolato con legge al primo incontro successivo del Parlamento.

4) Perché si chiama DECRETO SALVA IMU?

Questo decreto è stato chiamato – NEL SILENZIO GENERALE – “Salva IMU”, ma di IMU c’è solo 1 punto su 6!!!

I decreti devono essere OMOGENEI. I partiti abusano della decretazione inserendo sorpresine dietro ogni titolo ingannevole. La strategia politica è semplice: chiamo Salva IMU il decreto per farlo passare velocemente e con l’approvazione plebiscitaria dell’opinione pubblica, felice di non pagare l’ennesima ignobile tassa che il M5S ha più volte proposto di abolire DEFINITIVAMENTE. I portavoce del M5S si sono accorti di questa falsità e stanno facendo di tutto per informare i cittadini di cosa stia accadendo a NOSTRA INSAPUTA e coi NOSTRI SOLDI: un regalo di 7,5 miliardi di euro agli azionisti privati (anche stranieri) di BANCA D’ITALIA. In realtà, il decreto in questione ha un collegamento con l’IMU: le banche da questa rivalutazione dovranno pagare delle tasse!!! Con queste tasse, circa un miliardo di euro, si ottiene la somma per coprire la seconda rata dell’IMU. In sintesi, per ottenere un miliardo di euro dalle banche gliene diamo 7,5.

5) Perché Sorial ha usato la parola “boia?

Sorial, con l’espressione “boia Napolitano”, ha evocato l’immagine associata alla ghigliottina (seppure ha usato erroneamente il termine “tagliola”), per riferirsi alla violenza esercitata sull’opposizione: si sapeva che Napolitano premeva perché il decreto legge fosse convertito, anche se questo avrebbe significato togliere la voce all’opposizione, ricorrendo al sistema della ghigliottina. Del resto, come si chiamava la persona che azionava la ghigliottina? Boia!

I mass media e i partiti all’unisono hanno sollevato un coro di solidarietà e difesa verso Napolitano, indignandosi per un’allegoria. NOI NON CI INDIGNAMO PER L’USO DI UNA FIGURA RETORICA!!! CI INDIGNAMO INVECE PER: i suicidi di chi non ha lavoro, gli sconti alle concessionarie di slot machine, l’acquisto degli inutili e difettosi strumenti di guerra F35, la tassazione che soffoca le piccole medie imprese, le infiltrazioni mafiose negli appalti pubblici, i privilegi di chi con 20.000 euro al mese, seduto in una comoda poltrona, fa finta di difendere gli operai e tanto altro.

Noi siamo e saremo sempre dalla parte dei cittadini e a difesa della democrazia.
SIAMO L’UNICA OPPOSIZIONE!!!

Condividi