Agorà a 5 stelle a Cormano. Centinaia di persone.

Emiliano Abbati, il nostro candidato portavoce Sindaco parla di Pertini per arrivare, ahinoi, a Fassino, passando dal patto di stabilità e le responsabilità delle amministrazioni padernesi: “Pensare a Pertini significa pensare ai valori migliori che si sono persi, che ci hanno rubato. Torniamoceli a prendere questi valori, sono NOSTRI!” E ancora:  “il MoVimento è l’unica forza politica che difende la Costituzione…”

Buona visione

#aPaderno #vinciamonoi

M5S Paderno Dugnano

twitter: @paderno5stelle

facebook.com/M5SPadernoDugnano

youtube.com/user/Paderno5stelle

Condividi
Read more

Se volete incontrare il candidato portavoce sindaco del M5S di Paderno Dugnano per le prossime elezioni amministrative del 25 maggio 2014 potete venire ai nostri banchetti informativi domenica 20 aprile presso:

Chiesa S. Maria Nascente, via Roma 65, dalle 9,30 alle 12,30

Parco Toti (zona parcheggio) dalle ore 14,30 alle 19,00

Di seguito troverete un’intervista rilasciata alla giornalista del Nord Milano 24, Silvia De Bernardin, e un video fatto durante l’incontro pubblico con i portavoce di Camera, Senato e Regione venerdì 11 aprile presso l’aula consiliare di Paderno Dugnano.

PADERNO DUGNANO – Il candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle a Paderno è Emiliano Abbati. Quarantatre anni e un lavoro da dipendente pubblico, Abbati è nato e cresciuto a Cinisello, ma da molti anni vive a Calderara. In città è conosciuto anche per il suo ruolo di portavoce del Comitato per l’interramento della Rho-Monza. Per il ciclo di interviste di NordMilano24.it ai candidati sindaco del territorio, ecco cosa ci ha raccontato.

Abbati, qual è oggi la priorità di Paderno e come intende affrontarla il Movimento Cinque Stelle, se dovesse vincere le elezioni?

Una delle priorità è sicuramente la tutela del territorio e la salvaguardia dell’ambiente e della salute. Negli ultimi cinque anni abbiamo riscontrato, da cittadini, che Paderno è una città sotto attacco. Pensiamo alla Rho-Monza, al tentativo di aprire un nuovo inceneritore a Incirano, alla recente apertura della Leganti Naturali, più tutte le vicende legate alle aziende già presenti sul territorio. Faremo una mappatura precisa e puntuale di tutte le situazioni potenzialmente a rischio, sia a livello industriale che infrastrutturale, che necessitano di un’attenzione particolare da parte dell’amministrazione. L’altra questione è riuscire a ridare qualità ai servizi comunali. Troveremo il modo per recuperare nuove risorse con tutti gli strumenti di legge che sono disponibili. Ad esempio, la Convenzione tra Comuni, che permette agli enti locali di consorziarsi, senza però creare nuove aziende pubbliche, e di gestire in comunità alcuni servizi come la Polizia Locale e i servizi sociali. È solo un esempio dei processi che si possono attivare per liberare nuove risorse e migliorare la qualità dei servizi ai cittadini.

Qual è la prima cosa che farebbe se venisse eletto sindaco?

Una sola cosa non c’è, ma sicuramente i primi atti sarebbero di contrasto al progetto di ampliamento della Rho-Monza e alla riattivazione dell’attività della Leganti Naturali. Noi non abbiamo paura di nessun conflitto a livello istituzionale, non abbiamo rendite da difendere né interessi superiori o carriere politiche da garantirci. Il nostro interesse coincide con quello dei cittadini. Non avremo nessun problema a contrapporci alle istituzioni superiori nel momento in cui non vorranno prendere posizione a tutela della salute dei cittadini.

Appunto, la Rho-Monza. Una vicenda che è diventata l’emblema delle tante emergenze e difficoltà che Paderno si è trovata ad affrontare negli ultimi anni. Come la gestirebbe?

Mettendo in atto tutte le prerogative di legge proprie del sindaco, il quale ha tra i suoi primi compiti la tutela della salute dei cittadini, e compiendo tutti gli atti necessari a bloccare il cantiere, qualora fosse aperto. Un’altra cosa sarà a andare a indagare su come è avvenuto il reperimento e l’allocazione delle risorse. Fino all’altro giorno Serravalle andava in giro a piangere miseria dicendo che non aveva disponibilità finanziarie. Improvvisamente le risorse sono comparse. Uno dei primi atti che faremo sarà andare a capire chi le ha messe a disposizione e come. Visto tutto quello che sta succedendo in questi giorni è meglio tenere gli occhi aperti: potremmo scoprire che, come su altre opere, anche sui lotti 1 e 2 della Rho-Monza la magistratura possa avere qualcosa da dire.

Qualsiasi programma elettorale dovrà fare i conti con le ristrettezze di bilancio dei Comuni. Quali sono le proposte su questo tema del M5S?

Accenderemo i riflettori su alcuni aspetti particolari, ad esempio la gestione delle risorse per i servizi scolastici. Mi riferisco in particolare alla Convenzione approvata di recente dal Consiglio comunale col voto sia del centrodestra che del centrosinistra che, ancora una volta, fornisce risorse economiche alle scuole materne paritarie. Sono oltre 200mila euro all’anno, più un ulteriore contributo di rimborso per ogni pasto, ai quali si aggiungono le risorse considerevoli che vengomno messe a disposizione ogni anno dalla Regione. Riteniamo che questo tipo di convenzione vada rivista: non è possibile che vengano riservate così tante risorse alla scuola privata. Sappiamo che il 40 per cento dei posti disponibili nella scuola dell’infanzia è garantito dalle scuole paritarie, ma questo non significa che bisogna lasciare oltre 200mila euro di soldi pubblici in gestione alle scuole private. Porremo attenzione su questo aspetto e siamo sicuri che si libereranno risorse da destinare alle scuole pubbliche. In generale, sappiamo che le difficoltà dei Comuni sono dovute soprattutto a scelte fatte a livello nazionale ed europeo. Vedi il Fiscal Compact, il Patto di Stabilità: tutti tagli verticali che colpiscono soprattutto gli enti locali, che sono quelli che meno incidono sul bilancio dello Stato ma anche i primi a fornire ai cittadini i servizi più importanti. A maggio ci saranno anche le elezioni europee: il M5S è l’unica organizzazione che si dichiara apertamente contro la politica economica europea e vuole andare in Europa per modificare radicalmente il Fiscal Compact. Poi, ci sono risorse che possono essere spese in modo diverso, ad esempio quelle sul personale. I contratti dei dirigenti a tempo determinato saranno i primi a non essere rinnovati. Gli strumenti ci sono: bisogna avere le volontà di andare a cercarli e di usarli.

Per il M5S di Paderno quello di maggio sarà il primo vero test a livello locale. Cosa vi aspettate?

Siamo convinti che avremo un ottimo risultato. E comunque, noi vinciamo lo stesso perché abbiamo già dimostrato in Regione e in Parlamento che, una volta entrati nelle istituzioni, siamo in grado di cambiarle accorciando le distanze con i cittadini. Sia se saremo in minoranza che a maggior ragione con una giunta Cinque Stelle faremo notare la differenza. Siamo convinti che questo spazio ci sia. Se andremo al ballottaggio, siamo certi di potercela davvero giocare.

Come si immagina una giunta Cinque Stelle?

Ce la possiamo immaginare fatta di persone che siano esperte rispetto all’incarico che andranno a ricoprire, ma anche cha abbiano bene in testa i capisaldi del Movimento e si muovano dentro quel solco: trasparenza e onestà. Non possiamo avere assessori che siano avulsi dal senso stesso del Movimento, altrimenti diventeremmo una forza come tutte le altre.

Come saranno scelti gli assessori?

Stiamo valutando se fare una scelta tramite curriculum prima della scadenza elettorale per evitare che si presentino quelli che vogliono salire sul carro del vincitore. Non è escluso che la squadra possa essere presentata anche pubblicamente prima delle elezioni. Sicuramente, le selezioni saranno aperte prima del voto con la possibilità per chi lo vorrà di presentare la propria candidatura.

Silvia De Bernardin

twitter: @paderno5stelle

facebook.com/M5SPadernoDugnano

youtube.com/user/Paderno5stelle

Read more

quartierando

Ultimo incontro per la raccolta firme e prima delle vacanze. Vi aspettiamo per presentare il programma, il candidato portavoce sindaco Emiliano Abbati, e parlare dei problemi di Paderno Dugnano e specifici di Palazzolo e Incirano. (in particolare l’inceneritore, Eureco, la viabilità di Palazzolo e Incirano).

#alzatiepartecipa #aPaderno

M5S Paderno Dugnano

twitter: @paderno5stelle

facebook.com/M5SPadernoDugnano

youtube.com/user/Paderno5stelle

Read more

Ieri, 11 aprile, a Paderno Dugnano abbiamo incontrato i nostri portavoce di Comune, Regione, Camera e Senato. Non è campagna elettorale, per il MoVimento 5 Stelle è una prassi, una buona prassi. Entriamo nella cabina elettorale, diamo il nostro voto a chi si candida di portare le nostre istanze nelle istituzioni e, periodicamente, verifichiamo il lavoro dei nostri portavoce. E i nostri portavoce sono felici di tornare nel territorio di provenienza, parlare delle cose fatte e non fatte nei Palazzi, ascoltare critiche e accogliere suggerimenti dal cittadino. Così é successo ieri. Alla fine di un bellissimo mare di informazioni che hanno riempito l’aula consigliare di Paderno Dugnano, un ragazzo giovane di PADERNO DUGNANO chiede ai salanostri portavoce come mai in Italia non si hanno delle carte per studenti che permettono i trasporti pressoché gratuiti come accade per la sua ragazza in Francia. La risposta di Vito Crimi, portavoce al Senato, è semplice e chiara: la commissione trasporti sta lavorando su più fronti, questo che ci chiedi potrebbe essere inesplorato, cosa ne dici di darci tutte le informazioni che hai sul tema attraverso la tua ragazza così possiamo valutare se è una strada percorribile in Italia. Mattia Calise, unico portavoce pentastellato al consiglio comunale di Milano, ci racconta che non è mai solo, in Consiglio seduti dietro di lui c’è sempre un gruppo di attivisti che lo supportano e preparano con lui tutti gli emendamenti. E ancora: Silvana Carcano ha portato in Regione Lombardia le battaglie dei cittadini padernesi, Rho Monza e Leganti  Naturali. Bruno Marton ci ha aggiornato sulla recente ghigliottina al Senato che ha impedito un sano e vitale dibattito su un argomento importantissimo: il voto di scambio politico mafioso. Vincenzo Caso ci ha raccontato come ha scoperto un lobbista aportavoce Palazzo a Roma e cosa si è fatto per cacciarlo. Giampietro Maccabiani, portavoce in Regione Lombardia, ha spiegato cosa non si fa e soprattutto cosa non si riesce a fare per il nostro ambiente. Questo è tanto altro. Umiltà, tenacia, grandissima competenza e partecipazione. Tutto questo è il Movimento 5 Stelle. Il nostro candidato portavoce Sindaco, Emiliano Abbati, ha concluso la serata evidenziando tutte le incongruenze degli altri gruppi politici locali che si pongono a fianco dei cittadini in alcune battaglie, una su tutte la Rho Monza, e appartengono VERGOGNOSAMENTE agli stessi partiti, PD e  PDL , centrodestra e centrosinistra che hanno votato a favore dell’ecomostro a 14 corsie (Penati, Podestà, Formigoni, Maroni, Berlusconi, Monti, Letta  e Renzi) . Noi cittadini siamo stanchi della non coerenza che ha contraddistinto la politica padernese di questi anni, per la quale è meglio rimanere dentro schieramenti di partito che votano vergognosamente a favore di grandi opere che devastano il nostro territorio che schierarsi davvero, fino in fondo, dalla parte del cittadino. Ma quest’epoca sta finendo. La curiosità, la partecipazione crescente e l’informazione capillare che stiamo portando avanti sul territorio saranno la base per riappropriarci di Paderno Dugnano e restituirla ad ogni singolo cittadino, che abbia o meno votato il MoVimento 5 Stelle. Noi continueremo a tutelare gli interessi dei cittadini e tenacemente porteremo ogni richiesta, critica o proposta all’interno delle istituzioni.

Il nostro prossimo incontro sarà nella sede di quartiere di Palazzolo, in via Mazzini 74, GIOVEDI’ 17 APRILE, alle ore 21. I cittadini potranno fare le domande al nostro candidato portavoce Sindaco, Emiliano Abbati, sulla Rho Monza, sull’inceneritore di Incirano, sull’Eureco e sui punti del nostro programma.

#alzatiepartecipa #aPaderno #abbiamogiàvinto

M5S Paderno Dugnano

twitter: @paderno5stelle
facebook: facebook.com/M5SPadernoDugnano
canale youtube: youtube.com/user/Paderno5stelle
streaming video: ustream.tv/channel/paderno5stelle
meetup: meetup.com/movimento5stellepadernodugnano

Read more

È arrivato il momento di presentare la lista del MoVimento 5 Stelle di Paderno Dugnano alla cittadinanza e quale miglior luogo se non la Sala Consiliare del Comune.
All’incontro parteciperanno alcuni portavoce già eletti come Silvana Carcano (consigliera in Regione Lombardia), Vito Crimi e Bruno Marton (al Senato), Vincenzo Caso (alla Cameravolantino 11 aprile dei Deputati) e Mattia Calise (consigliere del Comune di Milano).
Oltre al nostro candidato portavoce-sindaco, Emiliano Abbati, parteciperanno anche i candidati alla carica di sindaco di alcuni comuni del Nord Milano per le elezioni del prossimo 25 maggio.

Venerdì 11 aprile
alle ore 21
presso la Sala Consiliare del Comune di Paderno Dugnano
 (ingresso da piazza della Resistenza)

  1.  

M5S di Paderno Dugnano

twitter: @paderno5stelle
facebook: facebook.com/M5SPadernoDugnano
canale youtube: youtube.com/user/Paderno5stelle
streaming video: ustream.tv/channel/paderno5stelle
meetup: meetup.com/movimento5stellepadernodugnano

Read more

Come al solito si predica bene ma si razzola male. E’ questa la sorpresa che ci siamo ritrovati ieri, 8 aprile, quando in serata facevamo il giro per attaccare i manifesti validi da ieri. Chi vuole insegnare l’educazione agli altri si permette di coprire i nostri manifesti validi fino al 9 con quelli loro validi fino all’11 aprile. Quando diciamo che l’onestà andrà di moda, quando diciamo che i partiti a livello locale rappresentano lo stesso modello che vediamo a livello nazionale, molti si mettono a ridere o fanno spallucce.
Se madri e padri, single, giovani, pensionati, disoccupati, lavoratori, professionisti hanno scelto di rimboccarsi le maniche e decidere di dare il loro contributo attivo per realizzare un progetto condiviso, il motivo è proprio questo. Riteniamo che dalle piccole azioni quotidiane si possa capire quale sarà il futuro di Paderno Dugnano.
Noi seguiremo sempre la strada dell’onestà e della trasparenza, gli altri dimostrano da subito di no!

manifesto1 manifesto2 manifesto3

 

 

 

 

 

 

 

 

Circolo La Meridiana, Legambiente, ARCI e ANPI hanno coperto i nostri manifesti regolarmente appesi con i loro!
Noi non abbiamo attaccato quelli validi fino al 15 aprile su quelli loro.

Noi siamo diversi e onesti.

M5S Paderno Dugnano

 

twitter: @paderno5stelle
facebook: facebook.com/M5SPadernoDugnano
canale youtube: youtube.com/user/Paderno5stelle
streaming video: ustream.tv/channel/paderno5stelle
meetup: meetup.com/movimento5stellepadernodugnano

Read more

Ogni singolo giorno siamo sommersi dalla disinformazione dilagante per mezzo di tubo catodico e carta stampata a ogni livello: comunale, regionale e nazionale. Per supplire, almeno in parte, alla vergognosa 57ª posizione raggiunta dall’Italia per libertà di stampa nella Classifica Mondiale 2013 di Reporter senza frontiere (in coda alla 55ª posizione della Moldavia e alla 56ª dell’Ungheria), il MoVimento 5 Stelle, fin dalla sua nascita, sta costantemente e tenacemente diffondendo attraverso ogni suo canale disponibile un’informazione libera per risvegliare le coscienze dei cittadini. Ignorare significa non conoscere, e spesso per non avere avuto accesso a una corretta informazione. Molti cittadini però credono di essere adeguatamente informati attraverso i mass media, anche se sappiamo che non è così. La macchina del fango che sta tentando di sommergere il M5S è una delle tante riprove. La guerra che scientemente viene portata avanti dal Quarto Potere sarà da noi combattuta divulgando incessantemente un’informazione corretta e trasparente, ma soprattutto verificabile.
Iniziamo oggi a informare, partendo da una delle critiche più frequenti (senza fondamento) rivolta al MoVimento negli ultimi tempi:
«Il MoVimento 5 Stelle da quando è entrato nelle istituzioni non ha fatto nulla»
Per controargomentare tale affermazione disponiamo veramente di un ampio ventaglio di fatti, non opinioni e, per necessità di sintesi, per questo articolo ne scegliamo tre relativi alle azioni intraprese sul piano nazionale dai nostri portavoce a Roma. In seguito, pubblicheremo altri articoli citando attività specifiche del M5S in Lombardia e a Paderno Dugnano e relativi risultati ottenuti.
FATTI – NON OPINIONI – DEL M5S NAZIONALE
1) RESTITUZIONE DI CONTRIBUTI PUBBLICI DELLE AZIENDE CHE DELOCALIZZANO
Il principio è semplice: se un’azienda ottiene un finanziamento pubblico e acquista ad es. nuovi macchinari per poi trasferirsi all’estero DEVE restituire i soldi del finanziamento pubblico.
Il M5S ha fatto approvare una norma antidelocalizzazione, per salvaguardare gli investimenti nelle imprese sul territorio italiano e i diritti dei lavoratori italiani.
«Una grande vittoria del M5S. Approvato nella legge di stabilità un emendamento contro la delocalizzazione selvaggia. Se un’azienda beneficia di un contributo pubblico ed entro 3 anni delocalizza la produzione dal sito incentivato con conseguente riduzione di almeno il 50% del personale, il beneficio decade e l’azienda deve restituire tutto il malloppo! Sono soldi dei cittadini! Aiutiamo le aziende che restano qui!» M5S Camera, COMMISSIONI ATTIVITÀ PRODUTTIVE E BILANCIO
2) BLOCCO DELLE CARTELLE EQUITALIA PER TUTTE LE IMPRESE CHE VANTANO CREDITI CON LO STATO
Si tratta di un’importante boccata d’ossigeno per tutti gli imprenditori che avanzano crediti da parte della Pubblica Amministrazione. Grazie al M5S, vengono sospese le cartelle Equitalia fino alla risoluzione del credito. Nello specifico: i soggetti interessati sono tutte le imprese titolari di crediti verso lo Stato, senza distinzioni in ordine alla forma giuridica dell’impresa, escludendo quindi soltanto i privati. I crediti possono essere relativi a somministrazione, appalti, forniture e servizi, comprese tutte le tipologie di rapporto contrattuale, dalla cessione occasionale o continuativa alla fornitura di servizi e alla consulenza. M5S CAMERA, COMMISSIONE FINANZE E ATTIVITÀ PRODUTTIVE
3) RECESSIONE DAI COSIDDETTI “AFFITTI D’ORO”
A firma 5 Stelle è l’emendamento che consente finalmente di spezzare i privilegi milionari che la politica (di
scambio) ha sempre concesso ai palazzinari di turno, facendo pagare a NOI CITTADINI affitti gonfiati anche di 10 volte il valore di mercato.
Con il voto unanime del Senato, viene cancellata la proposta indecente del Governo che favoriva i palazzinari e viene approvata la norma anticasta del M5S. Ora la Camera potrà esercitare il recesso dalla locazione di palazzi che finora sono costati allo Stato 450 milioni di euro, e la pubblica amministrazione potrà disdire le locazioni dei palazzi del potere che ogni anno costano ai cittadini 12 miliardi di euro. Non solo, il M5S vigilerà affinché le pubbliche amministrazioni (nazionali, regionali e comunali) procedano a tempi brevi a disdire gli affitti d’oro. In caso la norma non venga applicata ove necessario, si procederà a denunciare le pubbliche amministrazioni conniventi allo spreco pubblico per danno erariale. RICCARDO FRACCARO, PORTAVOCE M5S CAMERA
Quanto riportato è soltanto la punta dell’iceberg della proficua attività parlamentare dei portavoce a 5 Stelle.
Noi continueremo la nostra azione di sensibilizzazione, volta ad aprire le menti, i cuori e le coscienze di tutti i cittadini, divulgando quante più informazioni possibili per una lettura consapevole della realtà odierna.
Ogni cittadino ha comunque la responsabilità di attingere informazioni da più fonti, mettere in discussione quello che legge e ascolta, verificare i dati e le argomentazioni. Per questo invitiamo chi legge a informarsi attivamente e controllare le veridicità delle informazioni contenute in questo articolo.
Una lettura critica giova sempre. Una fiducia cieca non giova mai, neanche per il M5S, che non cerca tifosi, bensì cittadini con sete di verità.
Il MoVimento 5 Stelle incontra e si confronta con ogni pensiero critico, libero e ben informato, per crescere insieme a tutela dei cittadini.
#alzatiepartecipa #aPaderno

M5S Paderno Dugnano

twitter: @paderno5stelle

facebook.com/M5SPadernoDugnano

youtube.com/user/Paderno5stelle

Read more

cassina
Proseguono i nostri incontri con i cittadini. Giovedì 3 aprile saremo nella sede di quartiere di Cassina Amata, in via F.lli Corridori 12, per presentare il programma, il nostro candidato portavoce sindaco e rispondere alle domande dei presenti.
Vi ricordiamo che in questi incontri raccogliamo le firme per la presentazione della lista. Chi volesse firmare ma non può partecipare può comunque firmare presentandosi presso lo sportello URP del comune di Paderno Dugnano: occorre essere residenti, portare un documento di identità valido e non firmare per altre liste.
#alzatiepartecipa #aPaderno non è più un sogno, è una realtà.

M5S Paderno Dugnano

twitter: @paderno5stelle

facebook.com/M5SPadernoDugnano

youtube.com/user/Paderno5stelle

ustream.tv/channel/paderno5stelle

meetup.com/movimento5stellepadernodugnano/

Read more

Avete perso la serata sul fiscal compact svoltasi a Paderno Dugnano il 28 marzo, presso auditorrium Tilane? Nessun problema, ecco i video.

 

Venerdì sera, 28 marzo, circa 140 cittadini a Paderno hanno spento il televisore per partecipare a un incontro di informazione sul Fiscal Compact, organizzato dal MoVimento 5 Stelle. tilane
Due voci autorevoli fuori dal coro, Toni Iero (responsabile ufficio studi di un gruppo finanziario nazionale) e Giorgio Gattei (professore di Storia del pensiero economico presso l’Università di Bologna), hanno spiegato, con grande professionalità e passione, cosa accadrà ai cittadini italiani se rispetteremo quanto previsto dal Fiscal Compact: uno tsunami di tasse e spese pubbliche che porterà la nostra nazione al tracollo.

Purtroppo, questo quadro poco rassicurante non deriva da mere opinioni disfattiste, bensì da proiezioni statistiche di Toni Iero basate su stime tilane relatoriottimistiche (crescita PIL dell’1,5%) dell’andamento dell’economia nazionale.
Ma facciamo un passo indietro. Dal 1991 ad oggi, in Italia l’avanzo primario è sempre stato positivo, in altre parole questo significa che lo Stato preleva dai cittadini più tasse di quello che restituisce in servizi. Un riassunto realistico di quanto accade è il seguente: si tassa il lavoro per pagare gli interessi sul debito, favorendo la rendita.
Ma chi ha voluto tutto questo? Chi ha votato a favore di questa eutanasia economica? Chi ha voluto il “Fiscal Compact” in Italia? Due forze politiche in evidente “comunione dei beni”: PD e PDL, aiutate da partiti che si dichiarano di opposizione ma che sono determinanti al momento del voto nel sostenere, pienamente o parzialmente, il felice sposalizio.
Ora basta. Le alternative a questo sfacelo economico annunciato esistono. A maggio si voterà per scegliere i parlamentari europei, e il M5S ha le idee chiare: è, è stato e continuerà ad essere sempre a favore e a tutela dei cittadini italiani e non a servizio della burocrazia europea. Su questo non scenderemo a compromessi.
Anche a Paderno Dugnano seguiremo la stessa linea: tutela di tutti i cittadini onesti a discapito degli interessi dei soliti e pochi noti.

#alzatiepartecipa #aPaderno non è più un sogno, è una realtà.

M5S Paderno Dugnano

twitter: @paderno5stelle

facebook.com/M5SPadernoDugnano

youtube.com/user/Paderno5stelle

Read more

Si parla tanto di Fiscal Compact ma pochi sanno come funziona veramente e che ripercussioni ha sulle vite di noi cittadini. Le domande che abitano le nostre menti, non necessariamente di esperti in economia, sono innumerevoli: cos’è il Fiscal Compact? Cosa comporta per i cittadini italiani? Quali sono le ricadute per negative per i Comuni? Chi ha fatto certe scelte scellerate in Europa sostenendo l’insostenibile a nome di noi cittadini? Chi paga realmente per queste scelte? Quali alternative abbiamo al Fiscal Compact? Come mai anche la gestione del bilancio dei Comuni ne viene fortemente influenzata? È vero che se non rispettiamo pedissequamente tutti i diktat europei l’Italia è destinata al collasso economico-sociale?

fiscal jpg

Per dare l’occasione a tutti i cittadini di trovare qualche risposta a queste e a tante altre
domande di critica dell’economia Venerdì 28 Marzo alle ore 21 presso la Biblioteca Tilane di Paderno Dugnano (piazza della Divina Commedia, 5) si terrà una serata sul Fiscal Compact. L’incontro sarà moderato dal Prof. Franco Gatto ed interverranno Toni Iero, responsabile ufficio studi di un gruppo finanziario nazionale e l’economista Giorgio Gattei, professore di Storia del Pensiero Economico presso l’Università di Bologna (intervistato il 20 marzo sul Fiscal Compact dall’Espresso http://espresso.repubblica.it/palazzo/2014/03/20/news/debito-parla-l-economista-giorgio-gattei-impossibile-rispettare-il-fiscal-compact-1.157883

per seguire in streaming la diretta dell’evento potete collegarvi al nostro canale

http://www.ustream.tv/channel/paderno5stelle

M5S Paderno Dugnano

twitter: @paderno5stelle

facebook.com/M5SPadernoDugnano

youtube.com/user/Paderno5stelle

 

 

Read more

Il 6 Marzo dalle 20 di sera fino alla mattina successiva Paderno Dugnano è stata invasa da ondate di odori molesti molto forti, descritti principalmente come metallici e/o di plastica bruciata. Da subito tutti gli attivisti del Movimento 5 Stelle assieme a molti cittadini preoccupati hanno fatto segnalazioni a Polizia Locale, VVFF, e creato on line una rete di segnalazioni attraverso i Social Network (Facebook in particolare) per permettere una Screenshot_2014-03-07-10-31-12 (1)mappatura dell’odore sul territorio. Il Sindaco Marco Alparone ha chiuso di notte la questione con un tweet dichiarando che ARPA e VVFF avevano fatto le rilevazioni ed era tutto a posto.Peccato che:

ARPA non ha effettuato le rilevazioni perché non ha identificato la sorgente. Questo è verificabile chiamando ARPA. Anche il Comune di Paderno Dugnano fornisce la medesima risposta esattamente contraria a quella del tweet del sindaco:“Buongiorno, ARPA e VVFF non hanno fatto alcun rilievo dell’aria pertanto non siamo in possesso di alcuna relazione. Gli enti preposti dopo aver controllato tutte le ditte rilevanti a Paderno Dugnano hanno supposto che l’odore arrivasse da ambito privato, senza escludere che arrivasse addirittura da fuori comune.”

Ricordiamo al Sindaco che NON è la stessa cosa fare delle rilevazioni piuttosto che non farle, sebbene non sia stata individuata la fonte. I cittadini NON hanno bisogno di facili rassicurazioni ma di TRASPARENZA e VERITÀ. Ora basta.

Il Sindaco è il responsabile della condizione di salute della popolazione del suo territorio e il Consiglio Comunale condivide questa responsabilità. Dopo 13 accessi agli atti negati su richiesta di cittadini a chiarimento di alcuni contratti, convenzioni e specifiche di bilancio, dopo l’ennesima dimostrazione di pressappochismo e banalizzazione della realtà nell’episodio sopracitato, è ora di riappropriarci della tutela della nostra salute di cittadini padernesi. Non ci sono risposte facili a situazioni così complesse e compromesse come quella della nostra città. Ma abbiamo dei fari che seguiremo come Movimento 5 Stelle di Paderno Dugnano: TRASPARENZA sempre e comunque per tutto ciò che riguarda noi cittadini, nessun segreto, nessuna banalizzazione, nessun “accesso negato agli atti” che ci riguardano; SALUTE e ARIA PULITA prima di ogni interesse di pochi privati;

È ora di cambiare.

Paderno Dugnano è fertile di sorgenti potenzialmente molto dannose per la salute: Inceneritore,  Leganti Naturali, Clariant, Ecobat.

Il Movimento 5 Stelle di Paderno Dugnano non dimentica queste tristi premesse del territorio. Per noi aria è vita, salute e futuro per i nostri figli.

Parliamone anche al 2° appuntamento di ritorno nelle sedi di quartiere, l’8° da ottobre 2013, con i cittadini che si terrà Giovedì 20 marzo, ore 21 presso, la sede del quartiere di Calderara in via Armstrong, 9

Il comunicato completo lo potete leggere qui: https://www.dropbox.com/s/ivvihkar5hr43g5/Comunicato%20stampa%2014%20marzo%202014.pdf

twitter: @paderno5stelle

facebook.com/M5SPadernoDugnano

youtube.com/user/Paderno5stelle

meetup.com/movimento5stellepadernodugnano/

 

Read more

Volete sapere di più sul nostro programma per Paderno Dugnano e per il quartiere di Calderara? Volete avere informazioni sulle nostre posizioni in vista delle prossime elezioni Europee? Volete criticare (o magari conoscere un’altra verità) rispetto ad alcuni nostri interventi dopo un anno in Parlamento o in Regione?

Bene, ci trovate a Calderara, Sabato 15 marzo dalle ore 10,30 alle 18, in via Toscanini angolo via C. Riboldi.

Vi aspettiamo!!!

Read more

villaggio

Dopo gli incontri nei quartieri avvenuti tra settembre e dicembre 2013, per raccogliere segnalazioni e proposte dal territorio, rieccoci per condividere e confrontarci con i cittadini sul programma elettorale a 5 stelle. In questa occasione si presenterà ufficialmente il nostro candidato portavoce Sindaco Emiliano Abbati e i candidati portavoce al Consiglio Comunale che saranno tra e con i cittadini del Villaggio Ambrosiano per approfondire la linea che il M5S di Paderno sta seguendo e continuerà a percorrere dopo le elezioni a tutela dei cittadini del quartiere (Leganti Naturali, integrazione, Rho – Monza ecc.)

GIOVEDI’ 13 MARZO, ORE 21, sede quartire Villaggio Ambrosiano, via Mexico, 3

 

Read more

Giovedì notte a Paderno Dugnano, come sempre più spesso accade, ci siamo ritrovati invasi da fortissimi odori di natura sconosciuta. Tramite i social network abbiamo lanciato l’allarme, confermato anche dagli enti preposti al controllo (ARPA, 112, Polizia Locale ecc.)

Ancora questa mattina in alcune zone, come ad esempio Palazzolo, l’odore si percepiva ancora.Screenshot_2014-03-07-10-31-12 (1)

Il Sindaco come suo solito sta cercando di chiudere la vicenda con un tweet .

Non ci siamo assolutamente. Questo è un atteggiamento da struzzi che non risponde in nessun modo alle necessità di fare chiarezza. Ridurre il tutto a un semplice gesto di un privato cittadino serve solo a nascondere il problema che invece ha radici profonde.

Per quale motivo nella nostra città avvengono questi episodi e mi riferisco in particolare a quello di ieri sera, alla vicenda Leganti e ad altre situazioni in cui il confine tra legalità e illegalità  è sempre più sottile.

L’impressione è che Paderno Dugnano viva in una sorta di zona franca in cui ci sia la garanzia di poter agire praticamente indisturbati sicuri di non essere “pizzicati”.

Se pensiamo anche ai fatti di mafia avvenuti negli ultimi anni, summit mafioso al centro falcone e borsellino, operazioni di polizia con arresti allora il quadro diventa ancora più inquietante. Sappiamo perfettamente che le organizzazioni mafiose fanno cassa proprio in quei settori che sembrano essere i più attivi anche a paderno dugnano (ciclo dei rifiuti, movimento terra).

Queste parole susciteranno molta polemica ed giusto così. Purchè se ne parli e si discuta.

Emiliano Abbati – M5S Paderno Dugnano

#alzatiepartecipa #aPaderno

Politica e mafia sono due poteri che vivono sul controllo dello stesso territorio: o si fanno la guerra o si mettono d’accordo. (P. Borsellino)

Read more

La squadra mobile, coordinata dal procuratore aggiunto Ilda Boccassini e dal pm Giuseppe D’Amico ha smantellato l’ennesima cosca ‘ndranghetistica che ha attecchito in Lombardia e che opera coordinandosi con il mondo politico-partitico e l’imprenditoria. Risulterebbe coinvolto nel riciclo di denmafiaaro sporco personale dell’ufficio postale di Paderno Dugnano (Milano) che avrebbe autorizzato prelievo di contante per la cosca. Tra gli arrestati anche un imprenditore edile che in passato è stato assessore in un Comune della Brianza.

Silvana Carcano, consigliere del Movimento 5 Stelle, dichiara: “Purtroppo non siamo affatto sorpresi, ma solo allarmati. Come cittadina di Paderno e come portavoce del movimento 5 stelle chiediamo ostinatamente da sempre una lotta senza quartiere alle mafie per sradicare dalle fondamenta questo sistema marcio e per ripulire finalmente le istituzioni. Sono almeno 20 anni che la politica ha lasciato le porte spalancate alla criminalità organizzata, a tutti i livelli. A Paderno dobbiamo ripristinare la moda dell’onestà, della trasparenza, della lotta alla corruzione e al malaffare.”

Tra le persone fermate ci sono anche Marcel Astolfi e Cinzia Di Mauro, convivente dello stesso. Astolfi era stato sponsorizzato da Penati e dal centro sinistra come il “salvatore” della società Lares, diventandone amministratore delegato. E, invece, oltre ad aver fatto fallire la Lares, lasciando per strada centinaia di lavoratori con le loro famiglie, è oggi anche uno di quegli imprenditori che, per mere convenienze economiche e di potere, lavorano collusi con la criminalità organizzata alimentando quella cultura mafiosa che ormai non è più tollerabile.

In ogni occasione, con numerosi provvedimenti, con qualsiasi mezzo, stiamo gridando e chiedendo nelle istituzioni seria lotta alla criminalità organizzata. La risposta dalla Giunta Maroni è stata il nulla assoluto.

Per noi è chiaro: non si può fare vera lotta alla criminalità organizzata con i soliti vecchi partiti collusi con un sistema mafioso e imprenditoriale che produce la metà di tutta la corruzione europea . Gli appelli del M5S alla legalità restano totalmente inascoltati: per fermare la mafia in Lombardia bisogna fermare i grandi e inutili appalti come Expo, TEM, Pedemontana, Rho Monza. Ed è necessario “mandare tutti a casa” i politici che hanno governato fin qui. Questo non finiremo mai di ripeterlo: con la politica connivente cresce e prospera il malaffare”.

A questo link l’elenco degli arrestati: http://www.ilquotidianoweb.it/news/cronache/723268/L-elenco-degli-arrestati.html

M5S di Paderno Dugnano

Read more

L’articolo 32 della Costituzione recita: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti”. Il gioco d’azzardo va in direzione ostinata e contraria alle parole dei padri costituenti. Sotto gli occhi di tutti i cittadini, padernesi e no, negli ultimi anni si è verificato un moltiplicarsi di sale da gioco con slot-machine su tutto il territorio del Nord Milano, nonché la capillare diffusione di “apparecchi da intrattenimento” (alias videopoker) nella maggioranza dei nostri bar. In Italia abbiamo circa 19 milioni di scommettitori, di cui 3 milioni a rischio di Gioco d’Azzardo Patologico (GAP) e 800 mila persone già sofferenti di GAP (studio IPSAD®: Italian Population Survey on Alcohol and other Drugs). Chi soffre di GAP non è moralmente debole, ha un disturbo mentale conclamato che porta alla distruzione della propria vita e di quella familiare. Questa è la triste fotografia odierna.
Il MoVimento 5 Stelle non scende a compromessi per la tutela della salute e si schiera, a ogni livello (nazionale, regionale e comunale), dalla parte dei cittadini e non di chi specula impunemente sul gioco d’azzardo. In tal senso, i FATTI parlano più delle opinioni.
A livello Nazionale, il M5S ha:
1) votato CONTRO l’emendamento della maggioranza (PD, R.I.P. PDL & Co.) che riduce dal 25% al 20% l’aliquota della sanatoria per concessionari di slot-machine;
2) proposto una mozione per la cancellazione dell’articolo 14 del decreto IMU, ovvero quello che prevede il condono per le società concessionarie di slot-machine: BOCCIATA dalle larghe intese. Grazie al governo Letta, invece di pagare 98 miliardi di multe, poi scontati dalla Corte dei Conti a 2,5 miliardi, i ‘signori dell’azzardo coi soldi degli altri’ dovranno restituire allo Stato, ovvero a noi onesti cittadini, solo 611 milioni. Anzi no. Per essere ancora più magnanimi con le lobby delle ‘slot’, con un nuovo decreto larghe intese da 611 milioni si è passati a 500, e quelli realmente pagati 220. Una VERGOGNA ‘bipartisan’.
Il MoVimento 5 stelle di Paderno Dugnano osserva con piacere il nascente interesse di più parti politiche locali verso il tentativo di trovare soluzioni a questa piaga sociale. Troviamo però alquanto curioso che questo risveglio di coscienze avvenga proprio a ridosso della campagna elettorale nella nostra città. Come mai non abbiamo sentito le stesse voci di politici padernesi denunciare a pieni polmoni i biechi favoritismi rivolti alle società concessionarie delle slot-machine votati dai propri partiti in Parlamento? Perché in quasi 5 anni di mandato il consiglio comunale padernese non si è mai occupato seriamente del gioco d’azzardo?
A fronte di queste premesse, riconosciamo come lodevole l’iniziativa del convegno svoltosi il 18 febbraio u.s. dal titolo: “A che gioco giochiamo?” presso l’Auditorium Tilane. Ma la credibilità si conquista con i fatti, non con le serate a tema, e non basta buttare un sasso in uno stagno: serve una chiara e coerente posizione a tutela dei cittadini e a discapito delle società che lucrano attraverso questa attività.
Da mesi, il M5S di Paderno Dugnano sta lavorando a proposte concrete che possano tutelare sia i cittadini a rischio di gioco d’azzardo patologico sia i commercianti che coraggiosamente non si piegano alla logica del profitto (che porta alla distruzione di individui e intere famiglie) dettata dai videopoker installabili nei locali pubblici. Come già avviene in alcuni Comuni mediante proposte di nostri portavoce di altre città, anche qui a Paderno proporremo importanti incentivi fiscali (TARES) a favore dei locali commerciali e di pubblico spettacolo senza slot. In Italia, in Lombardia e a Paderno faremo tornare di moda la moralità. Il nostro obiettivo è combattere la corsa senza scrupoli al profitto che sta ammazzando (o spingendo al suicidio) tanti cittadini onesti.
Il M5S di Paderno Dugnano è sempre e comunque dalla parte dei cittadini, a tutela della salute e non con chi guadagna attraverso le slot-machine! Tu da che parti stai?

M5S di Paderno Dugnano

Read more

Ieri, 16 febbraio 2014, i votanti alle Comunarie hanno scelto il portavoce candidato Sindaco per il MoVimento 5 Stelle di Paderno Dugnano: Emiliano Abbati. Lo spoglio delle schede è avvenuto in streaming, a tutela della trasparenza che ci contraddistingue. Il M5S di Paderno Dugnano presenterà una propria lista civica per le elezioni amministrative e non si allea con partiti o liste civiche che si riconoscono negli schieramenti usuali dei partiti.
Emiliano è un cittadino tra i cittadini, impegnato nei comitati CCIRM, No.I e “Leganti Naturali? No grazie” fin dalle loro origini. Questi comitati cittadini sono costantemente e instancabilmente in prima linea, per proteggere la nostra città dalla distruzione dei beni comuni, del nostro suolo e dell’aria che respiriamo. Emiliano è anche referente di zona per il Forum Nazionale (Comitato del Nord Milano) “Salviamo il Paesaggio – Difendiamo i Territori”, un aggregato di associazioni e cittadini di tutta Italia che si batte contro la cementificazione del paesaggio e del territorio italiano.
La votazione alle Comunarie ha inoltre permesso di dare un ordine di presentazione in lista ai candidati portavoce consiglieri. Sono state accolte TUTTE le candidature dei cittadini provvisti dei prerequisiti necessari (maggiore età, iscrizione al portale del MoVimento 5 Stelle, residenza a Paderno Dugnano e nessuna pendenza legale) arrivate fino alla settimana precedente la votazione. Per visionare l’esito dettagliato delle votazioni, rimandiamo al nostro profilo Twitter (@Paderno5stelle) e alla pagina pubblica su Facebook M5S Paderno Dugnano.comunarie
La scelta del candidato portavoce Sindaco per il M5S di Paderno Dugnano rappresenta solo il passo più recente di un lungo cammino di trasparente partecipazione, iniziato nel 2009 e che ha visto:
– lo svolgimento di 186 Meet Up tra incontri e banchetti, quasi tutti aperti alla cittadinanza, che hanno registrato buona partecipazione e sono stati occasione di confronto sulle tematiche comunali e ottime opportunità per raccogliere suggerimenti, critiche e contributi personali;
– 6 incontri nei quartieri nel solo periodo da ottobre a dicembre 2013, al fine di conoscere e dialogare coi cittadini in merito a problematiche specifiche del territorio;
– la nascita e lo sviluppo di gruppi di lavoro aventi per oggetto tematiche del nostro programma elettorale ispirato ai 12 punti della Carta di Firenze.
Da mesi, ormai, stiamo costruendo il programma per Paderno, grazie anche alle segnalazioni e ai suggerimenti di centinaia di cittadini incontrati durante i vari eventi da noi pubblicizzati on-line e attraverso volantini distribuiti alla cittadinanza, o anche attraverso un sondaggio rivolto ai cittadini per dare voce alle problematiche esistenti.
E siamo solo all’inizio.
Vi aspettiamo sempre più numerosi ai nostri prossimi incontri, per continuare a migliorarci con il contributo di tutte le persone libere che vogliono restituire Paderno Dugnano ai suoi abitanti, togliendola dalle mani di chi tutela l’interesse di pochi e soliti noti.

Il gruppo M5S di Paderno Dugnano

Read more

Domenica 16 Febbraio 2014 dalle 10.00 alle 15 presso il bar-pizzeria “Da zio Pino” in via Coti Zelati 7 (angolo piazza Lampugnani) le persone che possiedono i seguenti requisiti verificabili in loco al momento della votazione: iscrizione al portale del Movimento 5 Stelle entro le 24 del 11/02/2014 e residenza a Paderno Dugnano potranno votare per il portavoce da scegliere tra i seguenti

CANDIDATI PORTAVOCE SINDACO

I votanti dovranno essere muniti di Carta d’Identità (per verificare la residenza) e indirizzo e-mail e password per entrare nel portale del M5s e verificare l’iscrizione.

Chi non ha i requisiti per votare può comunque venire e incontrare i candidati sindaco e consiglieri. Vi aspettiamo.

Potete seguire lo spoglio in diretta streaming dalle ore 15 colegandovi al canale http://www.ustream.tv/channel/paderno5stelle

Read more

Il Movimento 5 Stelle Paderno Dugnano è lieto di invitarvi alle Comunarie per la lista civica che correrà per le prossime elezioni amministrative.

Le Comunarie sono un evento pubblico durante il quale si eleggeranno i candidati portavoce Consiglieri ed il candidato portavoce Sindaco.

La votazione si svolgerà domenica 16 Febbraio 2014 dalle 10.00 alle 15 presso il bar-pizzeria “Da zio Pino” in via Coti Zelati 7 (angolo piazza Lampugnani).

Potranno votare tutte le persone che possiedono i seguenti requisiti verificabili in loco al momento della votazione: iscrizione al portale del Movimento 5 Stelle entro le 24 del 11/02/2014 e residenza a Paderno Dugnano. I votanti dovranno essere muniti di Carta d’Identità (per verificare la residenza) e indirizzo e-mail e password per entrare nel portale del M5s e verificare l’iscrizione.

Alle 10.15 i candidati portavoce Sindaco si presenteranno e rimarranno a disposizione per qualsiasi domanda da parte dei cittadini.

 Dal 2009 ad oggi il numero degli attivisti padernesi del Movimento 5 Stelle è notevolmente aumentato, rendendo possibile un’approfondita e capillare conoscenza del territorio ed un progetto condiviso, articolato e in moVimento per la nostra città.

 Servono molte stelle per illuminare Paderno. Vi aspettiamo,

 Movimento 5 Stelle Paderno Dugnano

Read more

Paderno Dugnano, 7 febbraio 2014

COMUNICATO STAMPA

Ieri sera, il gruppo del M5S di Paderno Dugnano ha partecipato all’evento organizzato dalla Rete Ecologisti e Civici.
L’incontro aveva per scopo il confronto tra le varie forze politiche in territorio comunale in vista delle prossime amministrative previste in primavera. La nostra partecipazione, come dichiarato nel nostro COMUNICATO STAMPA di mercoledì u.s., aveva l’obiettivo di conoscere le proposte dell’eventuale nuova forza politica.
Il nostro concetto di trasparenza è risultato sin da subito differente dal loro, essendoci stata negata la possibilità di effettuare riprese video dell’incontro, che sarebbero servite per informare delle proposte emerse i cittadini, ma
anche le associazioni che avevano mostrato interesse verso l’iniziativa, considerato anche che l’invito era a numero chiuso e non aperto al pubblico. Riteniamo che questo sia un punto molto importante, perché a nostro avviso una nuova lista civica deve nascere sul terreno della trasparenza per ogni momento pubblico, in veste di futuro attore politico degli stessi cittadini ieri esclusi.
Oggi, leggiamo con stupore l’articolo pubblicato dagli stessi EcoCivici: ELEZIONI 2014: UNA LISTA E UN CANDIDATO CONDIVISO e anche il “Post n°5225” sul blog LA SCOMMESSA di Giovanni Giuranna. Ci colpiscono le diverse incongruenze emerse e di cui esprimiamo una sintesi qui di seguito.
1) Un candidato sindaco può essere “condiviso” se scelto senza nessun confronto pubblico?
2) L’ambiguità dell’articolo in cui si dichiara soddisfazione per la serata, piena di numerosi firmatari dell’appello insieme ai rappresentanti delle forze politiche invitate. Ci preme sottolineare che il M5S, seppure invitato e presente alla serata, non ha aderito a nessun appello padernese.
3) L’incontro non si è dimostrato occasione per approfondire concetti di unione per il cambiamento. Durante l’incontro, infatti, alcuni esponenti della Rete Ecologisti e Civici hanno espresso la loro posizione e raccontato il loro vissuto, senza che venisse presentata una bozza di programma o alcuna ipotesi di visione per Paderno.
4) La proposta di una lista civica composta da persone provenienti sia dalla società civile sia dalle forze politiche è da chiarire. Ieri sera erano presenti principalmente esponenti del centro sinistra, che hanno semplicemente espresso i propri concetti partitici divisivi, esclusivi (nel senso che escludono persone di diversa ideologia), anacronistici e astratti, legati a un’ideologia che non si confà con la richiesta di partecipazione di cittadini slegati ai partiti e per nulla propositiva di obiettivi concreti per Paderno Dugnano.
5) Giovanni Giuranna dovrà realizzare un’ampia convergenza. Sulla base di quale proposta, visto che ieri non è emersa? Con la partecipazione di quali cittadini, visto che la serata era a numero chiuso/a porte chiuse?
Ci sentiamo in dovere di precisare che il signor Giuranna, pur facendo parte di comitati in cui partecipano anche portavoce del M5S, non è assolutamente vicino alle nostre posizioni: anzi, abbiamo più volte ravvisato posizioni molto distanti emerse leggendo articoli pubblicati sul suo blog, e notato sue omissioni di nostri interventi a difesa dei cittadini.

Siamo contenti di aver assistito alla serata, perché ha rafforzato in noi l’idea che la partecipazione deve avvenire come la intendiamo noi da anni e come la attuiamo nel concreto: dando voce a chi solitamente voce non ha, aprendo gli incontri per ragionare sugli obiettivi di un programma comunale, alla pari, senza che nessuno si erga in cattedra, valorizzando concretamente la trasparenza e il coinvolgimento di tutti i cittadini. In poco più di un anno, abbiamo organizzato oltre 50 incontri pubblici aperti a tutti, 6 incontri nei quartieri per discutere di problematiche da inserire nel programma condiviso, pubblicizzato gli incontri distribuendo oltre 14000 volantini, con chiaro intento di coinvolgere tutti la cittadinanza, senza fare distinzioni, come invece è accaduto ieri sera, in cui è emerso che ci siano
cittadini da coinvolgere, chiamati durante la serata “competenti” e cittadini da non coinvolgere.
L’atteggiamento di chi distorce il racconto della serata di ieri è deleterio per tutti. Le vecchie strategie politiche delle solite forze riciclate da anni, che parlano ancora linguaggi fallimentari e dichiarano condivisione e partecipazione senza dimostrarlo coi fatti, non ci appartengono.

M5S Paderno Dugnano

Read more