Quello che i media non dicono: parte prima!

Ogni singolo giorno siamo sommersi dalla disinformazione dilagante per mezzo di tubo catodico e carta stampata a ogni livello: comunale, regionale e nazionale. Per supplire, almeno in parte, alla vergognosa 57ª posizione raggiunta dall’Italia per libertà di stampa nella Classifica Mondiale 2013 di Reporter senza frontiere (in coda alla 55ª posizione della Moldavia e alla 56ª dell’Ungheria), il MoVimento 5 Stelle, fin dalla sua nascita, sta costantemente e tenacemente diffondendo attraverso ogni suo canale disponibile un’informazione libera per risvegliare le coscienze dei cittadini. Ignorare significa non conoscere, e spesso per non avere avuto accesso a una corretta informazione. Molti cittadini però credono di essere adeguatamente informati attraverso i mass media, anche se sappiamo che non è così. La macchina del fango che sta tentando di sommergere il M5S è una delle tante riprove. La guerra che scientemente viene portata avanti dal Quarto Potere sarà da noi combattuta divulgando incessantemente un’informazione corretta e trasparente, ma soprattutto verificabile.
Iniziamo oggi a informare, partendo da una delle critiche più frequenti (senza fondamento) rivolta al MoVimento negli ultimi tempi:
«Il MoVimento 5 Stelle da quando è entrato nelle istituzioni non ha fatto nulla»
Per controargomentare tale affermazione disponiamo veramente di un ampio ventaglio di fatti, non opinioni e, per necessità di sintesi, per questo articolo ne scegliamo tre relativi alle azioni intraprese sul piano nazionale dai nostri portavoce a Roma. In seguito, pubblicheremo altri articoli citando attività specifiche del M5S in Lombardia e a Paderno Dugnano e relativi risultati ottenuti.
FATTI – NON OPINIONI – DEL M5S NAZIONALE
1) RESTITUZIONE DI CONTRIBUTI PUBBLICI DELLE AZIENDE CHE DELOCALIZZANO
Il principio è semplice: se un’azienda ottiene un finanziamento pubblico e acquista ad es. nuovi macchinari per poi trasferirsi all’estero DEVE restituire i soldi del finanziamento pubblico.
Il M5S ha fatto approvare una norma antidelocalizzazione, per salvaguardare gli investimenti nelle imprese sul territorio italiano e i diritti dei lavoratori italiani.
«Una grande vittoria del M5S. Approvato nella legge di stabilità un emendamento contro la delocalizzazione selvaggia. Se un’azienda beneficia di un contributo pubblico ed entro 3 anni delocalizza la produzione dal sito incentivato con conseguente riduzione di almeno il 50% del personale, il beneficio decade e l’azienda deve restituire tutto il malloppo! Sono soldi dei cittadini! Aiutiamo le aziende che restano qui!» M5S Camera, COMMISSIONI ATTIVITÀ PRODUTTIVE E BILANCIO
2) BLOCCO DELLE CARTELLE EQUITALIA PER TUTTE LE IMPRESE CHE VANTANO CREDITI CON LO STATO
Si tratta di un’importante boccata d’ossigeno per tutti gli imprenditori che avanzano crediti da parte della Pubblica Amministrazione. Grazie al M5S, vengono sospese le cartelle Equitalia fino alla risoluzione del credito. Nello specifico: i soggetti interessati sono tutte le imprese titolari di crediti verso lo Stato, senza distinzioni in ordine alla forma giuridica dell’impresa, escludendo quindi soltanto i privati. I crediti possono essere relativi a somministrazione, appalti, forniture e servizi, comprese tutte le tipologie di rapporto contrattuale, dalla cessione occasionale o continuativa alla fornitura di servizi e alla consulenza. M5S CAMERA, COMMISSIONE FINANZE E ATTIVITÀ PRODUTTIVE
3) RECESSIONE DAI COSIDDETTI “AFFITTI D’ORO”
A firma 5 Stelle è l’emendamento che consente finalmente di spezzare i privilegi milionari che la politica (di
scambio) ha sempre concesso ai palazzinari di turno, facendo pagare a NOI CITTADINI affitti gonfiati anche di 10 volte il valore di mercato.
Con il voto unanime del Senato, viene cancellata la proposta indecente del Governo che favoriva i palazzinari e viene approvata la norma anticasta del M5S. Ora la Camera potrà esercitare il recesso dalla locazione di palazzi che finora sono costati allo Stato 450 milioni di euro, e la pubblica amministrazione potrà disdire le locazioni dei palazzi del potere che ogni anno costano ai cittadini 12 miliardi di euro. Non solo, il M5S vigilerà affinché le pubbliche amministrazioni (nazionali, regionali e comunali) procedano a tempi brevi a disdire gli affitti d’oro. In caso la norma non venga applicata ove necessario, si procederà a denunciare le pubbliche amministrazioni conniventi allo spreco pubblico per danno erariale. RICCARDO FRACCARO, PORTAVOCE M5S CAMERA
Quanto riportato è soltanto la punta dell’iceberg della proficua attività parlamentare dei portavoce a 5 Stelle.
Noi continueremo la nostra azione di sensibilizzazione, volta ad aprire le menti, i cuori e le coscienze di tutti i cittadini, divulgando quante più informazioni possibili per una lettura consapevole della realtà odierna.
Ogni cittadino ha comunque la responsabilità di attingere informazioni da più fonti, mettere in discussione quello che legge e ascolta, verificare i dati e le argomentazioni. Per questo invitiamo chi legge a informarsi attivamente e controllare le veridicità delle informazioni contenute in questo articolo.
Una lettura critica giova sempre. Una fiducia cieca non giova mai, neanche per il M5S, che non cerca tifosi, bensì cittadini con sete di verità.
Il MoVimento 5 Stelle incontra e si confronta con ogni pensiero critico, libero e ben informato, per crescere insieme a tutela dei cittadini.
#alzatiepartecipa #aPaderno

M5S Paderno Dugnano

twitter: @paderno5stelle

facebook.com/M5SPadernoDugnano

youtube.com/user/Paderno5stelle

Condividi