UN PESSIMO VENERDI’ 13 PER PADERNO DUGNANO

Per Paderno Dugnano, e i comuni interessati dai lavori di riqualificazione della Rho-Monza, è stato un pessimo venerdì.

Il voto contrario del Governo Letta e del PD in commissione bilancio alla Camera ha permesso l’affossamento dell’emendamento presentato dal M5S, e sostenuto da TUTTI i partiti e dal Ministero dell’Ambiente, con il quale si chiedeva di reperire le somme necessarie all’interramento della Rho-Monza. Patetica la difesa messa in campo dai deputati del PD, Casati e Cimbro, che tentano di giustificare la loro personale sconfitta, e del PD locale, con affermazioni paradossali contraddicendosi nel giro di pochi giorni:

Sabato 7 Dicembre l’on. Casati dichiarava “si tratta di un emendamento alla legge di stabilità approvato in commissione ambiente da tutte le forze politiche e che ha visto il parere favorevole del ministro dell’ambiente Andrea Orlando, sentito il Ministero dei Trasporti-Infrastrutture. Questo passaggio è un ulteriore conferma dell’interesse che il Ministro Orlando sta avendo per il nostro territorio. L’approvazione di questo emendamento è un ottima notizia che sembra segnare una possibile svolta della tormentata vicenda Rho-Monza”

Venerdì 13 Dicembre gli onorevoli Casati e Cimbro dichiarano “in riferimento alla bocciatura odierna……ci preme sottolineare che dietro questa scelta si deve leggere la volontà del governo di non dare alla legge di stabilità dettagli territoriali troppo marcati”, come se EXPO fosse un 1461583_10202286734760489_11735599_npiccolo evento locale. E ancora “…. si dovrebbero concordare  insieme le azioni da fare anche quella della presentazione degli emendamenti…”

E allora perché il PD lo ha sostenuto in commissione ambiente senza proporre alcuna alternativa?  Chi ha proposto al Ministro Orlando un incontro con tutte le forze politiche presenti in parlamento (NOI del M5S) e chi invece si è limitato a incontri “privati” (il PD)?

Chi realmente fa i fatti (NOI del M5S) e chi invece solo chiacchiere a posteriori (il PD)?

Questa è la coerenza del PD.

Noi non concederemo mai un minuto di tregua a tutti coloro che hanno fatto e continuano a fare della politica uno strumento per anteporre gli interessi del partito alle sacrosante rivendicazioni dei cittadini e dei territori.

Non vi sforzate a chiamarci “amici” perché non lo siamo. Se ci vedete seduti agli stessi banchi non è perché siamo simili a voi ma perché siamo dei cittadini che hanno voglia di cambiare le cose.

NOI non siamo in vendita.

 I gruppi del Movimento 5 Stelle di

Paderno Dugnano, Novate Milanese, Cormano, Baranzate, Bollate.

 

Condividi